________________________________ non cucino, gioco: something about me ________________________________

mercoledì 30 giugno 2010

FINTA PARMIGIANA
e un nuovo tag


















Questa estate mi è più difficile pensare light. Sarà questo hobby del momento, sarà che sono bersagliata da decine e decine di idee stuzzicose, sarà che siete tutti dei diavolacci tentatori, ma io di solito, a questo punto dell'anno, penso light!
Mi passa un po' la voglia di formaggio, di intingoli sostanziosi, di biscotti burrosi...
Ma quest'anno? Il caldo avanza e io farei ancora colazione con gli shortbreads, mangerei tagliatelle ai sette formaggi e concluderei ogni pasto con dolci decisamente heavy.
Qui bisogna darsi una ridimensionata... non tanto per la prova costume (quella la supero di sicuro... quello di carnevale del Gabibbo mi sta benissimo!), ma per una questione di leggerezza.
Mica voglio farmi cogliere dalla spossatezza ad ogni fine pasto! Mica volgio che mi si riproponga la caponata a metà pomeriggio! Mica voglio morire di caldo per le mila calorie ingerite con 30° all'ombra!
Quindi - qui ed ora - nasce un imperativo: think light!
E conseguente tag.
Cominciamo con questa finta parmigiana: non si frigge, non si usano intingoli pesanti e si fa sauna col forno. Più leggero di così...!

Ingredienti:
1 grossa melanzana
pane guttiau o carasau qb
sugo fresco o pronto
200 gr di mozzarella non acquosa
olio evo qb

-Mondare la melanzana e farne fette di circa mezzo cm, cospargere di sale e lasciare riposare mezz'oretta su un ripiano inclinato. Tamponarle poi leggermente con carta assorbente.
-Farle appassire in forno preriscaldato a 200°. A me son bastati 15 minuti per ogni infornata.
-Intanto preparare il sugo come preferite. Io in questo caso ho usato la polpa già pronta unita a cipollina dorata, prezzemolo e abbondante basilico.
-Man mano che le melanzane son pronte riporle su un piatto irrorandole di olio a crudo (magari senza esagerare sennò l'effetto light si vanifica...).
-Tagliare la mozzarella (o altro formaggio che preferite) a dadini.
-Posizionare poi uno strato di pane carasau sul fondo di una pirofila.
-Inumidire con qualche cucchiaio di sugo.
-Disporre le melanzane.
-Cospargere di mozzarella e ripetere gli strati fino ad esaurimento ingredienti.
-Infornare a 200° (tanto il forno è già caldo) per 15 min ca.
-Servire caldo, tiepido o freddo.

Non vi racconterò che è appagante come una grondante parmigiana da mangiare su una fetta di pane croccante, ma è buona, saporita e soprattutto... light!
... dài che mi sento sulla buona strada...
Aggiungo questo piatto al Contest ... è Tempo di Melanzane! di Fabiola di Olio e Aceto.

25 commenti:

  1. Heyyyyy!!Siamo sulla stessa barca allora...dato che le mie mani si rifiutano di sfornare ricette light è il caso che passo alle tue!!!
    ;)
    golosina questa parmigiana...io la faccio spesso,ma la mia è una versione light perenne,no fritto e mozzarella come te!!!
    Buona!!!!
    smack

    RispondiElimina
  2. I think light.....infatti vedi cosa posto....io ho mangiato la frutta "lui" i mantelli?
    Ora vado da Madama a curiosare..

    RispondiElimina
  3. che bontà..:)bravissima..:)le hai fatte davvero bene!

    RispondiElimina
  4. Tu riesci a pensare light d'estate???
    Ellamalora! Io non ci riesco proprio. :(

    RispondiElimina
  5. d'estate io ho voglia di cose fresche e di tantissima frutta..certo è che tutto il freddo he ha fatto non ha molto aiutato!
    la parmigiana light è una goduria!

    RispondiElimina
  6. Certo il tempo ballerino di quest'anno non ha aiutato granchè ad accrescere la voglia di cibi freschi e leggeri. Amando poco o niente la frittura devo ammettere che la mia aprmigiana e "light" tutto l'anno ma questa versione con il pane carasau è davvero particolare. Bella idea.
    Un bacio e grazie della gradita visita. E' stato un piacere conoscerti, a presto

    RispondiElimina
  7. Io invece credo che questa versione "in scioltezza" della parmigiana sia geniale e, non essendo amante del fritto, la apprezzo molto di più di quella canonica!

    RispondiElimina
  8. @ Meggy: mi impegno a postarne un po'!

    @ caminetta: non vale! Quelle sono canditeee!

    @ Giuky: se me lo dici tu che sei cagliaritana... è un bel complimento! :)

    @ Carlotta: "ellamalora" mi piace...

    @ Castagna e Federica: sì sì, ci sto! Diamo la colpa al tempo!

    @ Onde: Eppure quella fritta della mamma... amronna che buona!

    RispondiElimina
  9. Ah ah ah! Troppo divertente questo post... Ma non avrai per caso tentato di farmi sentire in colpa con quell'allusione ad innominati "diavolacci tentatori" che ti impediscono di "pensare light"? :-D

    RispondiElimina
  10. :-D Dicono che la sauna fa tanto bene ;-)

    RispondiElimina
  11. @ Lucia: Luciaaaa! Tu con gli ultimi 2 post sei sei Belzebù in personaaa!! Non mi ci far pensare...

    @ Francesca: eh! soprattutto all'umore... Sgrunt!

    RispondiElimina
  12. Questa parmigiana mi piace da morire...a forza di lievitati, burri e olii mi sa che il gabibbo lo farò io quest'estate (e ti rubo così il costume ;P)...Ma per fortuna che ti ho incontrata!!!Adesso che conosco il tuo bellissimo blog ( e visto che capito a fagIUOlo col nuova tg!) non ti lascio piùùù!!!!Un bacione e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  13. ciao:)ti rispondo per la differenza tra il pane carasau eil guttiau...il guttiau si..è bagnato con olio e poi messo al forno..:D

    RispondiElimina
  14. complimenti deve essere ottima!

    RispondiElimina
  15. Che simpatica questa versione!!! Mi fa davvero impazzire!!!!Non mi dilungherò sul fatto che la missione dieta anche quest'anno è naufragata!!!!...A proposito...ecco chi mi ha preso il corstume da gabibbo...adesso mi rimane solo quello dell'omino michelin!!!!Bacio

    RispondiElimina
  16. Ancor prima di pellegere la ricetta l'incipit del post mette allegria....
    A parte il fatto che ridurre formaggi e grassi è un preciso dovere o meglio una cautela per evitare valori di ogni genere che schizzino alle stelle quando si fanno analisi del sangue...a parte anche il fatto che con tutte le tentazioini che appaiono nei nostri blog è difficile resistere.....
    ebbene questa parmigiana è veramente una bella tentazione e light ,il che non guasta mai!!!
    Un bacione...e che tempo fa a Torino???

    RispondiElimina
  17. ma quanti errori di battitura!!!
    "Pelleggere" non è un neologismo..vuol dire solo leggere
    Aribaci

    RispondiElimina
  18. @ Zebra: mai avrei pensato di litigarmi il costume del gabibbo...!

    @ Giuky: grazie! :)

    @ Lalla: grazie. In effetti non era male anche con qualche caloria in meno ;)

    @ Ambra: ooo come sono contenta del tono che traspare. Tornato il sorriso... bene :)

    @ Mammazan: tu con la tua utlima torta salata hai minato ogni buon proposito...

    @ caminetta: ihihihih....

    RispondiElimina
  19. Comunicazione di servizio..ho visto che abiti a Torino, non dovresti avere problemi a reperire la lemongrass, al mercato ortofrutticolo (generale) o qualche negozio etnico, se la trovi ti do un link per conservarla ;-)
    Ciao (parentesi simpatica) :-D

    RispondiElimina
  20. Ciao, grazie per la ricetta l'ho già inserita, posso chiederti come ti chiami????Nella lista sei dolo tu senza nome.

    RispondiElimina
  21. che forte la parmigiana con il pane carasau, la voglio assolutamente provare anch'io! Grande idea ;)

    RispondiElimina
  22. Ciao, complimenti per il tuo bel blog!
    Questa ricetta va decisamente provata, io in genere se voglio la parmigiana light uso arrostire le fette di melanzana, evitando la frittura, e poi procedo alla composizione come di consueto. Mi paice però la tua integrazione con il pane... il tuo però qui non lo trovo mica.

    Uh, sposo al volo il tuo tag ^_^

    RispondiElimina
  23. Che buona!!!!!! Io, purtroppo, non riesco neanche a pensare light, accipicchia. Con questa ricetta sono salva.
    Saluti

    RispondiElimina
  24. angi: anche io faccio una fatica...! :D

    RispondiElimina