________________________________ non cucino, gioco: something about me ________________________________

lunedì 21 marzo 2011

HABEMUS AGAR...!
Bocconi di gelatina di succo di sambuco con crema di composta di fragola

























Ho sempre promesso che una volta terminata l'esigua scorta di fogli di colla di pesce avrei utilizzato l'agar-agar.
Chissà perchè questa polverina mi ha già stregata...
Sarà che la uso col misurino, ma mi sembra davvero di essere un chimico semi-sano alle prese con qualche esperimento dall'esito incerto, infiammato dal sacro fuoco della creazione!
E poi non so... l'ho usata senza remore, mentre la colla di pesce l'ho sempre solo adoperata in preparazioni dove non potevo davvero farne a meno.
Il fatto di utilizzare un addensante vegetale mi fa stare a cuor leggero. Non che sia vegetariana, ma forse la componente principe della colla di pesce, a pensarci, un po' di impressione la fa... soprattutto se la associo a una gelatina di frutta da "ciucciare" allegramente...

Sono ai primi tentativi quindi vi prego di non giudicare la banalità della ricetta, ma di considerarla una specie di tabella, se vogliamo...
Infatti, nei miei primi esperimenti eseguiti, ho constatato che volendo raggiungere una densità da dessert, quindi cremosa, basterà un rapporto di 1 grammo per ogni etto di sostanza da addensare.
Se invece vogliamo una consistenza più gelatinosa si può tranquillamente raddoppiare.
Se desideriamo una consistenza tipo gelatina di frutta aumentare a piacere.
Tuttavia non è così semplice perchè dipende molto dall'acidità dell'ingrediente di partenza, dalla pectina in esso già contenuta e dal fatto che sia "polposo" o liquido...
Il bello di questo processo, però, è che è retroattivo: se una volta solidificato l'alimento non siamo soddisfatti della consistenza, possiamo riscaldarlo nuovamente e aggiugere agar o liquido. Certo... possiamo farlo anche con la colla di pesce, ma la praticità della polvere dosabile con un misurino non ha paragone...
Ecco quindi cosa starà all'embrione di tanti dolci che dire light è dire poco e che -so già!- mi accompagneranno tutta questa estate che verrà! :D
Questi bocconi in particolare sono perfetti per "sciacquarsi" la bocca preparandola per un dessert.

Con questa preparazione partecipo al contest di Kia di superilmestolo: Agar Agar pensaci tu!!!

Ingredienti per la gelatina di sambuco:
500 ml di succo di sambuco (l'ho estratto a caldo preparando una composta con le bacche)
zucchero a piacere (io 4 cucchiai)
10 gr di agar-agar

-Scaldare il liquido fino ad ebollizione e zuccherarlo girando bene.
-Aggiungere l'agar a pioggia (se si desidera farlo sciogliere prima in poca acqua lasciandolo riposare un paio di minuti) e mescolare energicamente per 2 o 3 minuti.
-Mettere negli stampini desiderati e poi, una volta raffreddato, riporre in frigo per un paio d'ore.
Con questa dose di 2 gr x 100 gr raggiungeremo una consistenza molto compatta.

Ingredienti per la crema di composta di fragole:
300 g di fragole
2 cucchiai di zucchero
una spruzzata di limone
3 gr di agar-agar

-Mondare le fragole e tagliarle, tagliarle a pezzi, aggiungervi il limone e lo zucchero e mettere sul fuoco a fiamma bassa.
-Una volta che tenderanno a disfarsi, frullarle a caldo.
-Aggiungere l'agar a pioggia, mescolare energicamente per 2 o 3 minuti e togliere dal fuoco.
-Fare raffreddare e poi riporre in frigo.
Con questa dose di 1 gr x 100 gr raggiungeremo una consistenza cremosa.

Altri esperimenti... in corso d'opera! ;)


60 commenti:

  1. tu mi illumini d'immenso. Non ho idea di che gusto abbia il sambuco (ieri ne ho vista una pianta in montagna) e non ho mai usato la polverina magica, ma il piccolo chimico che c'è in te è davvero affascinante.

    RispondiElimina
  2. primaprimaprimaprima!!!!


    Maaaa....quando dici "vi prego di non giudicare la banalità della ricetta" stai scherzando o sei ubriaca!?!?

    'sta ricetta è da sballo!!!basterebbe un cucchiaino in mano e coppetta dall'altra per farmi capitolare ;PPP

    strasmack dalla FIRST lady ;P (<- perchè sono PRIMA!!!)

    RispondiElimina
  3. nooooooo :(((( il mio moroso mi ha distratta dall'invio e sono solo Second lady :((((((


    ma il mio commento vale lo stesso ;P

    RispondiElimina
  4. @ Kika: prima di raccogliere il sambuco ti consiglio una lettura preliminare. Questa:
    http://parentesi-culinaria.blogspot.com/2010/09/marmellata-sambuco-e-lavanda-i-miei.html
    Non che voglia scoraggiare, eh!!
    Anche perchè se leggi da altri non hanno avuto mica tutti sti casini... ma io mi sentivo in dovere di dirtelo!! :D

    @ Zebrotta: Ahahahha!! Spero ti abbia distratta con argomenti interessanti, almeno!
    No, dai... è banalissimo nella sua preparazione!!
    Ma tu sei meglio della firST... tu sei la beST!! :D

    RispondiElimina
  5. Io sono drogata d agar agar ( e di tapioca, ca va san dire...)...solo che con quello che costa bisogna dosarla con moooooolta parsimonia. La tua ricetta m'intriga tantissimo e tanto di cappello alla foto fantasmagorica . Uffiiiiiii, anche io voglio foto bella !!!!!!

    RispondiElimina
  6. bellissime da vedere, chissà all'assaggio... non oso immaginare quanto siano buone... complimenti!

    RispondiElimina
  7. Belle davvero. L'agar è fenemenale vero? Ci si raggiungono consisenze ed effetti mai sperimentati prima. I love it!

    RispondiElimina
  8. Punto primo: tu definisci queste meraviglie banali e a questo punto io mi sento una mer*

    Punto secondo: non ho ancora mai avuto il coraggio di usare questo famigerato agar-agar...ce l'ho in dispensa da un po' ma la bustina mi fa paura...e questo contribuisce al punto 1 (vedi sopra!!!)

    Punto terzo: l'idea di un dolcetto pre-dolce è assolutamente GE-NI-A-LE!!! ma si può volere qualcosa di più?!???? assolutamente favoloso!!!

    Magari questa sera tiro giù la bustina dalla dispensa ^___^

    RispondiElimina
  9. che visione meravigliosa!!! l'agar agar io non l'ho mai provato ma questo contest me lo sono segnato più per sfida che per altro. Sei bravissima 10 e lode!!!!baci

    RispondiElimina
  10. Mi associo alla grande ai punti uno e tre della mia sister-elenuccia che mi ha tolto le parole di bocca!!!
    Banale questo dolcetto?!?!?!?! PARLIAMONE! Potremmo intavolare una bella discussione a riguardo. Io sono ancora ipnotizzata da quella foto e non risco a staccare gli occhi.

    Per l'uso dell'agar...sembra facile ma poi mica lo è così tanto prenderci la mano! Non so quanti vasetti di yogurt ho buttato via prima di riscure ad ottenere qualcosa di decente! E chissà se non l'ho eprsa dal tempo che ho messo a riposo la polverina.

    Un baciotto e lasciatelo dire...sei GENIALE ^__^

    RispondiElimina
  11. Non è affatto banale la ricetta, anzi! Per me l'agar agar è un vero mistero...non saprei nemmeno dove andare a comprarlo! Quindi anche semi fa un pò rabbrividire continuo ad usare la mia "amata" colla di pesce...

    RispondiElimina
  12. Interessanti queste info sull'agar agar. In effetti io ne ho un vasetto in casa. L'avevo preso per rendere cremoso il gelato, ma poi non l'ho più usato perchè non avevo idea di come impegarlo...Ora che me l'hai riportato all amente magari mi faccio venire un'idea....
    P.S. Mi è arrivato l'essiccatore!!!! E' già in funzione...spero che venga fuori qualcosa di decente...;)
    A me la tua ricetta non pare così banale...Che sapore ha il sambuco? Così di impatto penso che possa avere il sapore dell'anice (penso alla sambuca molinari)?

    RispondiElimina
  13. Sai ceh quelel ciambelline hai un'aspetto molto fusion? Hanno un design perfetto! Liscissime!

    RispondiElimina
  14. Accipicchiolina!!!!! Il sambuco è di una dolcezza unica. Bellisismo da vedere questo dolce. E a proposito di agar agar l'ho comprato e con l'occasione del contest voglio mettermi alla prova. Fino ad ora ho fatto solo un gran pasticcio: troppo...troppo poco!!! E quando pensi di aver trovato la dose perfetta cambia la base per cui tutto è da rifare. Quindi grazie per le informazioni.

    RispondiElimina
  15. Capperina che beltà per gli occhi e mi immagino per il palato... mai assaggito il sambuco :)

    RispondiElimina
  16. ma quella foto è psazialeeee!! No va beh...solo a pensarla ci metterei una vita! Bellissima! e a parte che non ho mai usato l'agar agar e avrei paura (quindi i tuoi esperimenti mi fanno molto comodo :))) ma l'estartto di sambuco è dolce?? non ho idea di cosa sappia!

    RispondiElimina
  17. Dimmelo, dimmelo, dimmelo: quanto sei orgogliosa della fotografia?
    No, perchè è da die-ci {uffina, è troppo corto come numero, non rende l'esuberanza che vorrei ma fai finta che sia una cosa tipo cen-to-cin-quan-ta-mi-la!!! che poi però uno avrebbe di che interrogarsi circa la propria capacità residua di saper dividere ancora correttamente una parola in sillabe mavvabbè}!!! Stratosferica, bravissima. Mi piace moltissimo: lineare, equilibrata, colori perfetti... urca!
    Quanto alla ricetta: uhm, ti basta se ti dico che m'attrae? Mi sono consumata troppo commentando la fotografia :D
    Ah, una cosa sull'agar-agar l'aggiungo però: la mia speziale di fiducia si è *rifiutata* di vendermi altro che i filamenti {scomodissimi!}, perchè "sie, e io mi vado a fidare delle polverine bianche che mi vendono!" !!!!!!
    # e scusa la lunghezza.
    Baci!

    wenny

    RispondiElimina
  18. @ Francy: è vero... in confronto alla colla costa un botto! Ma sostenibile... :>

    @ Raffy: merci :)

    @ Manina: sai che non saprei dirti?? Non ho molta esperienza di "gelificazione"...
    Prendo però per buono ciò che mi dici! :D

    @ Elenuccia:
    1.No, davvero! L'esecuzione è banalissima!!
    2.Il prossimo pomeriggio piovoso allora sai cosa fare! :D
    3.Bella l'idea del pre-dolce, eh??? Avremo mica inventato una nuova portata!! XD

    @ Claudia: provalo! é divertente :>

    @ Fede: naaaa! Troppo buona. Insisto: è un ricetta basic-basic!
    Su, dai... rispolvera la polvere! :D

    @ Martina: per il gelato è necessario un addensante a freddo. So che si usa la farina di semi di carrube perchè anche io sto cercando un qualcosa che addensi senza bisogno di scaldare e la dolce Wenny mi aveva segnalato il Kuzu, ma non l'ho ancora trovato.

    Il sambuco non ha nulla a che vedere con la sambuca anche se trae in inganno... è una bacca dal sapore molto delicato. Se vuoi sapere qualcosina di più leggi qui ( http://parentesi-culinaria.blogspot.com/2010/09/marmellata-sambuco-e-lavanda-i-miei.html ) anche tra i commenti.
    Ma in rete trovi un sacco di info anche meno traumatiche delle mie! :D

    Evvai di essiccatrice! E' già in funzione?? Che stai preparando??

    @ Acqua: è vero! Alla fine non è così semprlice seguire una dose... credo sia utile crearsele personali in base anche al prodotto che si usa...

    @ Leti: grazie, cara. Il sambuco è una bacca dal gusto piuttosto delicato. Non è facile da definire...

    @ Caris: ma no! Piattino bianco su cartoncino bianco!!
    Per le tue curiosità sul sambuco vedi la risposta che ho dato a Martina appena sopra.
    Un bacio!

    @ wenny: ah... non si fida!! Ha un bel peso ciò che dici!! Mo mi metti il tarlo... °_°
    Wenny però vacci piano... se TU dici che una mia fot è bella io posso caracollare dalla sedia per l'emoZZZZione!! :D
    P.S.
    Devo ancora trovare il kuzu... ma ce l'ho piantato lì in testa!

    RispondiElimina
  19. Non conoscevo questo blog. Ora lo conosco e lo metto immediatamente tra i preferiti! Complimenti, che foto!

    RispondiElimina
  20. Beh uno scienziato di tutto rispetto,non può essere solo"semisano",deve essere matto da legare..quindi tesoruccio rientri sicuramente nel gruppo delle "Pazze da legare ai fornelli"!!E guarda l'estro che hai...si si non c'è dubbio,c'è tutta la creativittà dei matti!!
    Sono dei piccoli gioiellini,sei stata bravissima con l'agar agar!!
    UN bacio "pazzarè!!!

    RispondiElimina
  21. La foto e la ricetta sono sensazionali, che che tu ne dica e non mi smuovi da questa convinzione!!!!!!!!!!!!!!

    Con l'agar agar ho un conto in sospeso: ho acquistato l'anno scorso quello in filamenti che trovo molto scomodo da dosare e da sciogliere e dopo averlo finito, me lo regalano in barrette: ma si può????????????

    RispondiElimina
  22. Sinceramente non vedo ricette banali. Anzi! Vedo una grande voglia di sperimentare, di ricercare e di andare oltre l'ovvio.
    Una gelatina di sambuco non è banale. Partendo, come hai fatto tu, dalle bacche di sambuco e decorandola con una composta di fragole, diventa un piatto veramente gourmand.
    La fotografia è bellissima!
    Per me, tutta la ricetta è un capolavoro!
    Complimenti davvero!!!!

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  23. in maniera molto compposta dico... BELLISSIME .. e mi ricompongo... dopo di che le comunico che mi era finita nello spam .. e lo dico tra parentesi! :D

    recuperata!! adesso aggiorno la lista!!
    grazie!! ... e in bocca al lupo! :D

    RispondiElimina
  24. wow : - ) l'agar-agar : - )
    parentesina ma sei una scienza in azione stupefacente !
    la uso da un po' e mi fa piacere, da vegano, che si diffonda in alternativa alla colla di pesce :-)
    invitante la ricetta (come sempre) mitico e piacevole il testo (come sempre)e belle le foto (come sempre)
    al. (milano)

    RispondiElimina
  25. Tiz hai il coraggio di definire le tue ricette banali??? Sono stupende..sono qui che non riesco a togliere lo sguardo su queste "ciambelline" cercando d'immaginare il sapore di tale perfezione...dato che non ho mai assaggiato il sambuco e l'agar agar lasciamo perdere...Un bacione

    RispondiElimina
  26. Anch'io mi sono comprata l'agar-agar qualche tempo fa ma per ora l'ho usata solo una volta per fare un budino. Le sue potenzialità però sono infinite, hai fatto venire voglia anche a me di sperimentare!

    RispondiElimina
  27. Oh....ma beneeeeeeeeeeee.
    Un'altra appassionata di gelatine di frutta. Che bello! Ma lo sai che siamo in quattro gatti ad apprezzare le gelatine? Almeno a quel che ho capito io quando ne posto una....la gelatina fa strani effetti...e chissà perchè. Io la trovo deliziosa e quest'estate anch'io ne farò scorpacciate.... Non sarà che siamo strane noi?
    Macchè strane e strane! Ma ti sembra che se fossimo strane andremmo in visita ai cimiteri e a pranzo al Bristol? No no, noi non siamo strane e le gelatine di frutta sono buonissime E le tue sono fantastiche con l'aggiunta di questa crema di fragole. 10 e lode! Brava. Ottimo inizio. Io con glia ltri esèerimenti ti seguo di sicuro :D
    Un bacione
    Smack smack

    RispondiElimina
  28. Tesoro mi dici dove hai trovato l'agar? Anche io lo voglio ma non so dove cercare...Queste gelatine sono superlative!!!E il tocco di composta alla fragola è davvero chic!!!Un bacio tesoro!

    RispondiElimina
  29. Ah, quindi il sambuco non sa di anice! Ma pensa....Con l'essiccatrice sto provando a fare il dado di carne....Vediamo come viene...Se viene bene poi lo pubblico...

    RispondiElimina
  30. Ah, per l'agar avevo sentito che qualcuno la usava per il gelato...Io quando l'ho isato ho fatto bollire il latte, ho unito l'agar, Ho lasciaoto raffreddare e poi ho mescolato con gli altri ingredienti..La farina di carrube non credo sia un addensante ma un anticongelante. IN effetti nel gelato fatto in casa il problema in genere non è la cremosità (almeno io il problema non l'ho avuto), ma il fatto che lì per lì è cremoso, ma poi in freezer congela e cristallizza e perde la cremosità....Io sapevo che la farina di carrube funge da anticongelante...

    RispondiElimina
  31. wow che presentazione!!!!!!!!!!!!Un bacino e buona settimana......

    RispondiElimina
  32. ma sai che la usavo tanto tempo fa e poi non l'ho più trovata, devi cercarla
    deliziosa la ricetta ma bellissima la foto!
    complimenti x entrambe :)

    RispondiElimina
  33. Ogni giorno mi fai scoprire qualcosa di nuovo! Grazie veramente.....baci

    RispondiElimina
  34. @ Un dîner presqu'italien: grazie! Sei molto gentile...

    @ Damiana: UAH! UAH! UAH! (risata da dr jackill...) :D

    @ Milen@: no, credimi... sei troppo gentile.
    Agar in barretta?? Mi mancava... credo che tra tutte, la soluzione più pratica, sia quella in polvere...

    @ Giovanna: lo dico anche a te. Ma è DAVVERO semplice... mica lo dico per falsa modestia! :D
    Però sulla voglia di sperimentare nulla da dire... è sempre tanta! :>

    @ Kia: mi fa piacere ti piacciano anche perchè son per te!
    Moi spam?? Con sta faccia?? §_§

    @ al: mi fa piacere ti piaccia. Anche perchè se sei vegano fa sempre comodo avere qualche ispirazione in più... :>

    @ Ornella: ma vieni bella che te le fo assaggiare ioooo!! :D

    @ Lo: e allora via! Misurino alla mano!! :>

    @ Viò: è vero... le gelatine non a tutti piaccioni... a me però sì e ora con l'agar mi sa che mi sbizzarrirò di brutto!
    Ma noi gente del Bristol... sai com'è!! :D

    @ Ambra: alla BioBottega! O nei piccoli negozietti di alimenti naturali... :*

    @ Martina: dado di carne?? Azz... parti subito con qualcosina di mica facile! Interessantissimo...

    Per la farina di semi di carruba: a me l'han spiegata come addensante, ma non ho mai approfondito la faccenda non avendo gelatiera o simili...
    Fatto sta che comprai la farina di carruba (non di semi di carruba!) e mi trovo con sta farina nera nera e decisamente sapida dalle poche applicazione... :>

    @ stefy: grazie bella! Anche a te...

    @ Giò: e che ci facevi di bello??

    @ Gianni: ohibò, che responsabilità mi attribuisci!! :D

    RispondiElimina
  35. non voglio attribuirti responsabilità, ma se combino un casino in cucina io farò il tuo nome a mia moglie....hihihhi

    RispondiElimina
  36. bellissimi! molto eleganti e raffinati!
    ogni tanto uso anch'io l'agar-agar, e mi piace, anche se a volte sembra vivere di vita propria ;-)

    RispondiElimina
  37. Appena le ho viste son rimasta.. e cosa sono? E poi scopro che son deliziose gelatine e che tu stai sperimentando l'agar.. mi piace passare da qui perche' spesso mi ritrovo, anche io come te ho praticamente aspettato di finire la colla di pesce per poi passare all'agar (e non l'ho ancora usato)
    Baci e a presto

    RispondiElimina
  38. ...voglio provare anch'io!!! Fino ad ora mi ha un tantino impaurito...quale disastro potrò mai combinare?
    Le tue gelatine sono di un'eleganza pazzesca!!!!
    Bravaaaaaaaaaaaaaa!!!!
    Un bacione!!!!!

    RispondiElimina
  39. l'ho provato un paio di volte e devo dire che il risultato è stato perfetto ma io sono per le cose facili quindi in linea di massima cerco di andare sul sicuro e usare la colla pero se copio la tua pari pari nn dovrei avere dei problemi e che l'agar un po mi spaventa ma sono una delizia questi dessert!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  40. habe agar anche io ma non sono ancora riuscita ad azzeccare la dose giusta...per cui seguirò con mooolta attenzione tutto ciò che farai con questa polverina!!....ah, voglio dirti una cosa e sai perchè....GRAZIE!

    RispondiElimina
  41. sai che ho una confezione di agar agar lì che aspetta di essere usata? devo decidermi... cioè, devo trovare il tempo... brava tu che sperimenti, poi copierò!! :-)

    RispondiElimina
  42. Ciao cara da quanto tempo... come va?
    Anche io come te sono passata a questa polverina...però faccio un pò fatica a misurarla perchè non avendo la bilancia di precisione l'adopero a "occhio" scusa ma tu che misurino usi? Comunque e davvero succosa questa ricetta!
    Donatella

    RispondiElimina
  43. ma che bellezza! sono uno spettacolo!anche io sono passata all'agar agar...sono sincera però sui dolci preferisco sempre la colla di pesce.lo so che mi odierai per questo ma è una mia impressione!
    ottima l'idea del sambuco!

    RispondiElimina
  44. Moooolto bene Tiz! mi dai nuovi spunti per assaporare un dolcetto senza sertirmi in colpa per le calorie, cerco sto agar agar (ma che nome buffo) e mi metto a sperimentare, spero di non andare in fissa come per i biscotti perchè stavolta mi mettono la camicia di forza.

    Baci
    Lilli

    RispondiElimina
  45. Banale? Adoro ste cosine ;)

    RispondiElimina
  46. Fantastica ricetta e bellissime foto! Brava! Si mangiano con gli occhi.
    Ciao Silvia

    RispondiElimina
  47. direi che qui niente è banale! complimenti per la ricetta e per il blog!!! fantastico.

    RispondiElimina
  48. Ciao cara, passa un momentino da me, c'è un premio per te. Baci

    RispondiElimina
  49. Complimenti per la ricetta e per il blog!

    RispondiElimina
  50. Che bella questa ricettina, semplicemente deliziosa!

    RispondiElimina
  51. Non riesco a staccare gli occhi da quella foto, mi avrai sula coscienza!
    Amo il sambuco, la pimavera,e l'agar agar, e te! E non necessariamente tutti in questo ordine :D

    RispondiElimina
  52. L'ho sempre detto che la cucina, spesso, è più alchima che semplice "spadellamento" :D
    Mi incuriosisce questo agar agar (se non altro per il nome). Credo che sarà sulla mia lista della spesa nel prossimo raid al negozio bio, così poi posso provare questo ben riuscito esperimento chimico-culinario.

    RispondiElimina
  53. E meno male che la ricetta sarebbe banale!!! Io il sambuco non so nemmeno che odore abbia, figuriamoci il sapore!!!
    Comunque appena finisco le mie scorte di colla di pesce (che a dire il vero un po' impressionante è) la proverò sicuramente! Convinta sono!!!

    RispondiElimina
  54. il tuo blog mi piace davvero tantissimo... questi dolcini di agar agar sono di una bellezza e delicatezza.. che dire, vorrei assaggiarli!

    RispondiElimina
  55. Ciao Tiziana, una ricetta/foto all'altezza del tuo inconfondibile stile, io non ho molte affinità con la polvere, preferisco i fiocchi o la barra, forse perchè anni fa con la polvere ho avuto un'esperienza traumatica?
    Ti vedo sul podio...

    RispondiElimina
  56. non ho mai utilizzato l'agar agar per paura di non esserne in grado, quindi imparo con molto interesse dai tuoi (ottimi)esperimenti!!!
    ciaooo

    RispondiElimina
  57. la foto è stupenda ma anche la ricetta è fantastica, complimenti per il blog lo metto subito tra i miei preferiti

    RispondiElimina
  58. Perfetti per sciacquarsi la bocca? Bene, da domani li userò al posto del dentifricio, con sommo piacere! :-D
    L'agar-agar non l'ho mai utilizzato (mi piace vincere facile, con la colla di pesce...), però mi incuriosisce, perciò seguirò con molto interesse tutti i tuoi esperimenti.
    Ti ricordo che sei sempre nel mio cuore verace ;-)

    RispondiElimina
  59. Uh l'agar... è una vita che vorrei provarlo! direi che ti sei cimentata proprio bene e con una gran bella ricetta poi!!! fruttosa e sugosa! brava!...come sempre infondo ;)

    RispondiElimina
  60. Giravo un po' per il tuo blog e su questa ricetta nn ho potuto non soffermarmi! A parte che il tuo blog è una scoperta, è ricco di ricette interessanti e invoglianti, ma la gelatina di sambuco come si mangia in Sicilia è davvero super! Bravissima

    RispondiElimina