________________________________ non cucino, gioco: something about me ________________________________

mercoledì 17 novembre 2010

I CASTAGNACCI
talmente semplici da farli con una mano sola!

Niente da fare... non riesco a cucinare. Anche pelare una carota diventa difficile.
Non posso fare nulla, nemmeno lavare i piatti (che disdetta... :).
E io che avevo in mente una vellutata speciale... un po' laboriosa, ma...
Mannaggia a sto polso! Tendinite? Nefrite? Sfighite??
Anche digitare sulla tastiera comporta le sue difficoltà. Mentre la sinistra è arzilla e recettiva, la destra presenta un dito legnoso (che tengo dritto per comodità, caso mai servissa a qualcosa, chessò... grattarmi, indicare, digitare..) che sbuca dalla mummificante fasciatura home-made fatta per tenere il polso immobile.
E stasera a lavoro come faccio?? Mah... mi doperò con qualche antinfiammatorio...
Per fortuna sono ambidestra e quindi, dove ne serve una sola, arriva la sorella a dare una mano (dare una mano?? vabbè...), ma dove ne servono due entra in gioco di tutto: avambracci, spalle, petto, ginocchia, denti, lingua...
Uhm... certo non è un bel vedere.
Un conto è a casa quando per trasportare dei bicchieri a tavola ci metto dentro tutto il mento (tanto siamo l'hommo e io), ma un conto è a lavoro...
Il dito per indicare qualcosa ai clienti già ce l'ho, come ho detto... ma per il resto dovrò pensare a qualcosa...
Per ora guardo la sinistra. Le parlo, la ringrazio... la rivaluto. Son grata di poterle usare entrambe (solo il cono gelato non riesco a mangiarlo con lei: rischio, per difficoltà di coordinazione, di ficcarmelo in un occhio prima di trovare la strada giusta).
La mia mano sinistra è quella che disegna. Scriveva anche quando ero piccola, ma al contrario. Fino a quando qualcuno (la nonna) non mi suggerì di provare a usare l'altra. E così è ancora: scrivo con la destra, disegno con la sinistra e quando scrivo con la sinistra scrivo al contrario. E in bellisisma calligrafia, eh! Chissà che significa e che comporta...
Sarà per quello che non ho senso dell'orientamento?? Mah!
Anche Leonardo scriveva al contrario, ma lui era un genio! :D
Per fortuna avevo queste foto fatte la settimana scorsa. Non sapevo se postare o meno queste ricette, data la loro disarmante semplicità. Ma capita a fagiolo, direi... le si possono fare anche con una mano sola!




Castagnaccio alla toscana
























Ingredienti:
250 gr di farina di castagne di ottima qualità
dai 350 ai 500 ml di acqua a seconda di quanta ne chiama la farina
50 gr di gherigli di noce tritati grossolanamente
50 gr di pinoli
50 gr di uvetta (io non l'ho messa che all'hommo non piace)
1 rametto di rosmarino
4 cucchiai di olio evo
1 pizzico di sale

-Setacciare la farina in una terrina, aggiungere il sale e poi, un po' alla volta, l'acqua mescolando con l'aiuto di una frusta. Qui regolatevi ad occhio. La consistenza deve diventare tipo una pastella nè troppo densa nè troppo fluida.
-Aggiungere poi tutti gli ingredienti (tranne l'olio) lasciandone da parte un pochino da mettere poi sulla superficie.
-Ungere la teglia con 2 dei cucchiai d'olio (io ne ho usata una di cm 28 x 22) e versarvi la pastella. Non deve essere troppo spessa sennò non cuocerà bene. 1,5 cm andra benissimo.
-Cospargere la superficie con il restante olio e con gli ingredienti laciati appositamente da parte.
-Infornare in forno preriscaldato a 200° per 30 minuti o finchè non si formeranno sopra le tipiche crepe.

Ammetto che non mi ha soddisfatta. E' per quello che nella foto lo vedete cosparso di pancetta a dadini e formaggio filante. Il gusto non mi aveva conquistata e ho sentito la necessità di farcirlo e allora la farina di castagne, unita a questi ingredienti saporiti, ha assunto tonalità decisamente interessanti. Da rifare...
Non contenta però ho fatto anche la versione dolce. Forse qui in Piemonte è più famosa di quella sopracitata. Però gli ingredienti li ho messi totalmente a mio gusto! :>


Castagnaccio dolce




















Ingredienti:
250 gr di farina di castagne
500 ml di latte
50 gr di zucchero
2 cucchiai di ruhm
50 gr di cioccolato tagliato al coltello
50 gr di gherigli di noce tritate grossolanamente
50 gr di pinoli
1 pizzico di sale
qualche fiocchetto di burro

-Procedere nello stesso identico modo sopra indicato usando qualche fiocco di burro per ungere un po' la teglia e per idratare la superficie del castagnaccio prima di infornarlo.

Era ottimo! :d

46 commenti:

  1. Ciao! Mi dispiace per il tuo polso! Meno male che sei ambidestra, io non saprei proprio come fare!! Buoni questi castagnacci, ma devo dire che la versione salata mi intriga molto!!

    RispondiElimina
  2. Ohi mi sono persa qualcosa?!?!?! Che è successo al tuo polso e dito annesso? Qualche anno fa sono stata con il polso destro ingessato (d'estate per giunta)...una tortura per la cucina e non solo!
    Da tanti anni che vivo in Toscana il castagnaccio non l'ho mai fatto (a dire il vero neanche mai assaggiato). Da golosa di cioccolato però approvo decisamente la versione rivisitata e corretta ^__^
    Anche la versione salata mi pare un gran bel recupero. Ora però cerca tu di recuperare in fretta la mano sorella ;) Un abbraccione

    RispondiElimina
  3. Tizy..ma che ha la tua manina???
    Sfighite mi ha fatto morire dal ridere..ahahahah!
    L'anno scorso in questo periodo anch'io avevo la mano destra semi paralizzata..credevo mi stesse venendo l'artrosi e ho fatto impazzire la dottoressa!Alla fine era il freddo, ma non credo sia il tuo caso dato che pioggia sull'Italia ce n'è in abbondanda ma di freddo nemmeno l'ombra!
    madonny questo hastagnaccio toscano mi fa venire un languorino incredibile, la versione filante della foto è super!
    Bravissima mille baci
    PS la versione dolce invece non delude mai!

    RispondiElimina
  4. urca... castagnaccio in versione salata... mi piace assai... più di quello dolce che mi allappa sempre un po'... mi spiace per il tuo polso...spero la sfighite passi, certo che se con la sfighite tiri fuori queste cose dal forno... evviva la sfighite! :)

    buona giornata. nene

    RispondiElimina
  5. quello dolce m'ingrippa da matti.........voglioooooooooo

    RispondiElimina
  6. ma lo sai che non ho mai fatto il castagnaccio salato?? anzi per dirla proprio tutta non sapevo neanche che esistesse.. ma deve essere delizioso

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace per la tua mano!!!! per fortuna che le usi entrambi molto bene! Ottimo castagnaccio... bacio e buona gg :-)

    RispondiElimina
  8. Oggi entrambe sgarrupate! Ieri un pezzo di polpastrello alla gloria O_O ahiaaaaaaa.

    Ho subito tempo fa una frattura importante al polso sinistro (messa a posto maaaaaaaalissimo) ora sto subendo delle tendiniti allucinanti...che bello che la nonna t'abbia insegnato ad usare entrambe le manine ^_^

    Catsagnaccio salato!
    Sai che invece lo trovo intrigante?

    p.s ihihih i bicchieri col mento...

    RispondiElimina
  9. Ciao! azz per il polso son difficoltà, ma siamo certe che troverai il modo di superarle ;)
    Nooo...il castagnaccio salato??!
    Noi lo adoriamo, ma ammettiamo un debole per questo tipo di farine dal sapore più amaro e ricercato!
    stranissimo farcito con pancetta e formaggio...curioso!!!!
    baci baci

    RispondiElimina
  10. Ho anch'io spesso la "sfighite" ma al polso sinistro per fortuna...spero ti passi prestissimo! Il castagnaccio non l'ho mai assaggiato ma mi sembrano ottime tutte due le versioni che ci hai cucinato oggi!

    RispondiElimina
  11. Ah, ecco perchè castagnacci, al plurale! beh, io sono toscana, doc, quindi non commento :)
    Mi dispiace molto per la tua mano, uffi: ti auguro una pronta guarigione.
    Un abbraccio,

    wenny

    RispondiElimina
  12. Povera miss! come sempre accade scopriamo quanto sono importanti le articolazioni quando non le possiamo usare. A giudicare dai risultati però, direi che sopperisci egregiamente anche con una mano sola. Viene spontanea però una domanda: ma che gli hai fatto a quel povero polso??
    Epi

    RispondiElimina
  13. Ho qualcosa per te sul mio blog se ti va di fare un giro...Bacione

    RispondiElimina
  14. Ah!! Ti ho presa in "castagnaccio" ;-) tu mi stai diventando troooooooooooopo avanti, anche con la "mano morta" (tocchiamo ferro..per i supertiziosi ;-) )fai resuscitare i vivi(????!!?)..altro che brasato ;-)
    A parte gli scherzi, vedi di ripristinare tutti gli arti che Natale è vicino e qui bisogna "Lavorareeeeeeee" :-D

    RispondiElimina
  15. Certo che cucinare con una mano sola è un'impresa titanica -_- Speriamo che passi subito :)

    RispondiElimina
  16. Ecco vedi? l'avevo detto io che eri un genio. In realtà ne ho avuto la conferma quado hai postato le dita dell'orco.......eh li ho capito che il mio intuito non aveva sbagliato ;)
    Tu oggi me lo confermi......
    Ti rendi conto che c'è un unico precedente e che si chiama Leorado da Vinci? No dico, vogliamo parlarne? :D
    Purtroppo però spesso i geni sono incompresi.....
    Io però me n'ero accorta eh! :D
    Quindi sistemati in fretta che vogliamo i tuoi capolavori!!!!!!!!!!!!!!!Mi raccomando, non farci aspettare troppo.....
    Il castagnaccio non l'ho mai provato nemmeno io, ora ho di che sbizzarrirmi con le tue versioni :)
    Un bacione carissima

    RispondiElimina
  17. Non ho mai mangiato nè la prima nè la seconda delle tue ricette ...hai nfatto benissimo a postarle anche con una mano sola, rimettiti presto, ciao

    RispondiElimina
  18. Sono Toscana, ma ammetto di non aver mai assaggiato la prima versione! La seconda invece l'ho assaggiata, ma non amnado le castagne non è che mi piaccia un granchè....Però confesso che a vederle sono due ricette molto invitanti...e pensare che li hai pure fatti con una mano sola! Ma qui qualcuno sta diventando troooooppo brava!!!! :-) Un bacione...e vedi di rimetterti che in vista del Natale non c'è scusa che tenga e bisogna sbizzarrirci!!!!!

    RispondiElimina
  19. Ehi piccolo genio incompreso,come va??L'indice è sempre lì ad indicare la strada??Tu sei veramente un genio,che pensi che sia da tutti saper usare entrambe le mani e poi la storia dello scrivere all'incontrario mi ha stupito!!!Sia mai,che tra di noi povere e mortali foodblogger si nasconda una "maghetta""dai poteri speciali??
    Se è così amica mia,allora tutto è chiaro..ecco perchè le tue ricettine sono sempre accattivanti!!
    Mi piace tanto anche la versione salata e quella dolce è sicuramente un mito!!
    Un bacio tesoruccio..uè cerca di farti passare sta "sfighite""!!

    RispondiElimina
  20. Hiiiii, il castagnaccio salato mi manca e mi garba :)
    riguarda la manina, mi raccomando!

    RispondiElimina
  21. mi spiace per la mano, spero tu ti rimetta presto perché immagino sia una vera rottura!
    il castagnaccio è ottimo, qui da noi si fa solo dolce, ma io ne prenderei una fetta di entrambi volentieri! :P

    RispondiElimina
  22. mi spiace per il polso....capisco la difficoltà!!
    sono toscana e adoro il castagnaccio nella prima versione, che per me è quella dolce :O perfetto quel rametto di rosmarino ^_- ma lo sai che è da tantissimo tempo che non lo preparo? mi hai fatto venire una gran voglia....bacioni

    RispondiElimina
  23. Figuratti che io non ho ancora (?!?!?!) acquisito la lateralizzazione e scrivo solo con la destra!
    Finalmente qualcuno che dice pane al pane e vino al vino, o anche castagnaccio al castagnaccio! La rpima versione, per loro è dolce!!! Ma come si fa senza un briciolo di zucchero? e nemmeno un po' di miele? ma che dico, anche un po' di dolcificante??? Hai fatto bene a trasformarlo nella versione salata!!! L'altro, mi piace un sacco!!!

    RispondiElimina
  24. Tu non hai idea del coraggio che mi ha dato questo post :-)
    Spero tu ti rimetta al più presto.
    L'idea del castagnaccio in versione salata mi tenta: come sempre, sono più incline a utilizzare i sapori fruttati, castagne comprese, nei piatti salati!

    RispondiElimina
  25. @ Tutti: no, no... spè... non li ho fatti con una mano sola... dicevo solo che son talmente semplici che si potrebbe, riallacciandomi al fatto che ne ho una un po' fuori uso!

    @ Lo: grazie, Lo. IN effetti essere ambidestra comporta i suoi vantaggi... :)

    @ Fede: sì, sorella! :)
    Ho tutte le intenzioni di recuperare in fretta. Anzi, va già meglio...
    Che barba le ingessatureee. Non puoi più fare molto per troppo tempo... però chissà con che gusto hai ricominciato!

    @ Meggy: ah boh! Non so cos'ha, però migliora... Probabilmente l'umidità ne è stata una concausa.
    Bacioo.

    @ n.: no, no... ricetta di repertorio della scorsa settimana! Però ti assicuro che la versione salata è sfiziosa assai... anzi... ho in mente delle varianti aperitivesche che mi stuzzicano..

    @ Fra: 'nnaggia... è finitooooo! :)

    @ Fabiana: ah mica so esisteva o meno... io l'ho fatto "a naso".

    @ Claudia: merci, mademoiselle. Sbaciuzz'

    @ Gaia: accidenti! ne porti ancora le conseguenze... e in più ti timbri i polpastrelli!! :>

    @ M&S: passerà! Provatelo fanciulle... secondo me vi potrebbe piacere.

    @ Ornella: eccerto! Se poi mi monto il burro per 30 minuti! Ma non a mano ho letto, per fortuna... :>

    @ Wenny: eh. lo so... mi dispiace un po' aver strapazzato una vostra ricetta, ma è stato più forte di me... :(
    La bua passerà, grazie! :*

    @ Epi: e chi lo sa... qualche sforzo probabilmente...

    @ Camina: no, no... il brasato è il brasato!!
    Io mi riprendo, certo... però a Natale io mica mi sa che ho tempo... sigh...

    @ Ann: eh... mi tocca MANGIARE, invece di cucinare... che faticaccia... :D

    RispondiElimina
  26. @ Viò: naaaa... tu sei ancora sotto l'influenza del bresocco. Ma che genio... o se lo sono sono talmente incompresa che non se ne è accorto nessuno! :D
    Però il tuo attestato di stima me lo godo con piacere!! :D

    @ Stefania: massì... postare con una mano sola non è poi così faticoso... :>

    @ Claudia: amorizza bella... grazie per credermi wonder woman... in effetti mi sono espressa male... non le ho fatte con una mano sola, anche se si potrebbe!

    @ Damiana: il dito indice è sempre lì pronto a farne l'uso più consono! :D
    Eh! Visto che genia incompresa... talmente incompresa che c'ha bisogno del libretto di istruzioni! :>
    Spero di aver tempo per sbizzarrirmi a Natale!
    Grazie, tesora (stellina! :). Un bacio.

    @ Reb: sissì! Mi riguardo... :*

    @ Gio: interessante... e come si fa da voi??

    @ Puffin: eh si... avessi messo le uvette un po' più dolce lo sarebbe stato... anche tu toscana. In che bel posto vivi... :)

    @ Fantasie: ahahah!! E' un dolce-non-dolce... l'uvetta un po' addolcisce e poi anche la farina di castagne è dolce-amara. Ma qui da noi un po' di zucchero si usa metterlo...

    @ Onde: uhm... mi spiace quasi ribadire che mi sono espressa male e non ho cucinato con una mano sola... ho solo espresso che si potrebbe, data la facilità della ricetta... :(

    RispondiElimina
  27. Tesoro... mannaggia alla mano!!! spero tutto si risolva presto e al meglio!...che dire del castgnaccio....Lo adoro!!!
    ....ma sempre dolce...l'altro è da provare!!!
    baci e auguri!

    RispondiElimina
  28. sono tutti e due molto buoni le foto parlano da sole ma quello alla toscana mi piace di più è solo una preferenza personale

    RispondiElimina
  29. Mi piace da matti la foto del castagnaccio dolce!!!

    RispondiElimina
  30. che belle foto!! e naturalmente complimenti per i castagnacci! hai avuto una buona idea a farcire quello salato... così mi sembra godurioso!

    RispondiElimina
  31. Ciao, bella! Innanzitutto grazie per essere passata a trovarmi ed avermi lasciato un salutino, anche se non c'era trippa per gatti :-D E' da un po' che non posto niente perché sono stata poco bene, ma prossimamente (complici anche le imminenti festività) vedrai che mi rifarò! E veniamo al castagnaccio: io ho provato a farlo per la prima volta una decina di giorni fa e siccome non aveva soddisfatto neppure me ho promosso una vera e propria discussione su Facebook partendo dalla domanda: "A voi piace il castagnaccio? Come lo fate?". Ho avuto anche interventi autorevoli di vere toscanacce quali le Pellegrine Artusi e mi sono rincuorata: non avevo sbagliato io a prepararlo, il castagnaccio è proprio quello! Acqua, farina di castagne e un pizzico di sale: tutto qui! Poi qualcuno vi aggiunge pinoli e uvetta, qualcunn altro le noci... Il castagnaccio dolce della Tiz lo proverò al più presto! Baci :-)

    RispondiElimina
  32. Scusami se non sono stata molto presente.
    Mi spiace per il tuo dito. Nel caso fosse sfighite e tu trovassi il rimedio, ti spiacerebbe comunicarmelo? ;-)

    RispondiElimina
  33. Ma sai che non sapevo che esistesse il castagnaccio salato?? sarà anche semplice, ma sicuramente buonissimo! mi dispiace per la tua mano, rimettiti presto, Giulia

    RispondiElimina
  34. Ma andiamo proprio d'accordo noi due io oggi ho postato il mio castagnaccio di famiglia vengo qui da te e tò che trovo?? Cara mi dispiace per il polso ..vedrai passerà è solo infiammato hai lavorato troppo??? il castagnaccio salato non lo conoscevo ..buona giornata

    RispondiElimina
  35. ohoi mi dispiace veramente tanto e va beh aspettero con pazienza la tua vellutata.adorabili versioni di castagnaccio sai che nella prima non mi aveva neppure sfiorato l'idea?!su quello dolce l'ho fatto anche io un avolta e devo dire che il gusto molto particolare mi piace!baciotti speriamo che ritorni in forze presto.baci e buon week

    RispondiElimina
  36. mi dispiace tanto tesoro per la tua tendinite è davvero fastidiosa pero che bonta queste 2 ricette una piu saporita dell'altra quello dolce la conoscevo l'altra ricetta invece è una novita e la trovo fantastica!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  37. orpo mi dispiace per la mano, ma questi due castagnacci.... da favola!!!
    (ps.. per la cena, rimedieremo!!! ;-) )

    RispondiElimina
  38. E i castagnacci con quale delle due mani li hai preparati?
    Scherzi a parte: come ha fatto a preparare e fotografare ?
    Un bacio e mi raccomando: voglio saperti in forma :D

    P.S.: non conoscevo la versione salata del castagnaccio ...

    RispondiElimina
  39. Acciderbolina mi spiace per il polso, quando aspettavo Giorgia soffrivo di tunnel carpale, certi dolori che ancora me li ricordo! Ti auguro che si risolva presto ;) intanto anche con una mano sola devo dire che non ti sei fatta mancare nulla: mi piace sia la versione salata che quella dolce! Brava
    Buona Domenica
    Sonia

    RispondiElimina
  40. Francesca Valente Jacob21 novembre 2010 15:08

    Non sapevo niente. Mi dispiace. E' ingessato? Sei a riposo dalla libreria? Non mi hanno informata!
    Stai cheta!

    RispondiElimina
  41. Poverina, spero ti rimetta presto anche perchè le tue leccornie necessitano di entrambi le manine!
    Cmq lo sai che non ho maii provato il castagnaccio salato? Mi hai incuriosita, come sempre! Un abbraccio cara! ;D

    RispondiElimina
  42. @ terry: sì s', grazie. va già molto meglio. Provalo, il salato! ;)

    @ gunther: visto? E io ne ho messo uno per ogni gusto... Gtazie! :)

    @ cucina a pois: e brava! Ho deciso di postare questa ricetta essenzialmente per quella foto, sai? Passerò presto a trovarti!

    @ vale: ma sai che era buono! Grazie :)

    @ Lucia: ma dai! Allora questo post sarebbe entrato di diritto nella discussione aperta...! A presto D.V. carissima! :>

    @ Carlotta: non scusarti. Se trovo rimedio lo posto! Ihihihi...

    @ Giulia: grazie della tua visita! Ricambierò il prima possibilissimo! Non è che esista o meno quello salato... io l'ho fatto a naso! :P

    @ Claudia: ho visto al volo la foto delle tua ricetta e mi interessa tantissimo perchè mi ricorda il monte bianco. Tornerò a chiederti lumi!

    @ Lucy: spero di fare in tempo! :D

    @ Imma: con uno dei tuoi dollcetti mi rimetterei subito, sai?? :D

    @ Norma: eh! Mi spiace per tutto il resto più che altro! A presto!

    @ Milena: è ormai chiaro che seguirà smentita ufficiale... non li ho fatti con una mano sola, ma erano ricette delle scorsa settimana che non sapevo se postare o meno... ma poi ho visto che si intonavano, per semplicità, alle mie condizioni del momento! :D

    @ Sonia: ecco... forse era tendinite! Grazie, tesorilla. Un baciotto!

    @ Francesca: nooooo! Tranquilla!! Era solo fasciato, ma ora va decisamente meglio. E poi no... non sono stata a casa. Un po' di nimesulide e via! Verso strade infinite!! :D
    Grazie, però... a presto (spero!)

    @ €lly: ma grazie! Sì sì... meglio se ancora non impasto, ma va meglio... :)

    RispondiElimina
  43. Cara mia forse un pò di riposo ti ci vorrebbe!!! Altrimenti l'altra mano si arrabbia ti dice ma che devo fa tutto io?

    Però sei favolosa e ci riesci anche con una mano "in panne" .

    Bacioni

    RispondiElimina
  44. non conoscevo il castagnaccio salato!!!!
    cmq deliziosissime entrambe le versioni!!!
    ps: auguri dio pronta guarigione per il tuo polso.
    ciaooo

    RispondiElimina
  45. Ehi,rimettiti in sesto al piu' presto!
    Anch'io non conoscevo il castagnaccio salato.Da provare..
    Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  46. Ma che mi combina la tua manina!?Mi dispiace un sacco di questo problema, ti mando un bacione alla "zampetta" dolorante!
    Resta comunque che sei un fenomeno: scrivere al contrario e disegnare con la sinistra....mica è da tutti!!! :DD E poi se lo faceva nientepopodimenoche Leo (amico mio!) ci sarà pure della genialità, dietro questa abilità!!!per il castagnaccio WOW e doppio WOW !sarà pure semplice, come preparazione, ma io non li ho mai fatti in nessuno dei due modi!!! un bacio tesorilla!!!

    RispondiElimina