________________________________ non cucino, gioco: something about me ________________________________

mercoledì 10 novembre 2010

FINOCCHI E PATATE... VIOLA
Due ingredienti perfetti. Non è vero, Mr. B?


















Quando mi è stata segnalata l'iniziativa mi son detta: massì... ne ha sparata un'altra delle sue... ed ero dell'idea di ignorarlo come si fa con il compagno di classe demenziale che non fa ridere nessuno.
Ma il problema è che non è il nostro compagno di classe, bensì (che lo dico affà) il Presidente del Consiglio, accidenti!
Quando lo capirà che quel che dice ha un peso e deve costituire un esempio? Che non può far battute come un ragazzino senza pensieri? Che siamo stufi delle figuracce che l'Italia fa davanti al mondo?
Questa è solo l'ultima delle sue uscite simpatiche... inoltre -diciamocelo- le cose (più) gravi sono altre... ma l'iniziativa è divertente e consente di aprire il food-blogger-world al tema con una goliardìa elegante, coesa e ben argomentata.
Ma il nostro Mr. B è un uomo di spirito (no?) e non se la prenderà...
Ecco dunque la ricetta della mia passata di finocchi e patate viola.


Ingredienti:
4 finocchi
5 o 6 patate viola
1 cipolla piccola
50 ml di panna
pepe nero qb
sale qb
noce moscata qb
semi di finocchio
una spolverata di parmigiano


-Lessare i finocchi o cuocerli in pentola a pressione.
-Lessare le patate.
-Lessare la cipolla, tutto separatamente.
-Passare infine il tutto con il passalegumi, aggiungere la panna, allungare con l'acqua di cottura di finocchi e cipolla, unire il sale e le spezie e portare ad ebollizione girando con una frusta.
- Una volta pronto spolverare con semi di finocchio (tanto per esagerare :), di pepe, di parmigiano e servire.


Il risultato è una passata delicata che avrei voluto poter definire vellutata, ma la patata viola ha una consistenza molto particolare (compatta e asciutta) e ben poco si presta a conferire caratteristiche di cremosità.
Inoltre ho preferito non usare insaporitori naturali o non per non comprometterne la delicatezza e poterla assaporare nel modo più naturale possibile.
Come? Forse un po' troppo... viola?
Naaaaaaaaaa! :)

Buon appetito, Mr.B!

49 commenti:

  1. Come ti ho scritto nella mail...il viola di questa zuppa è divino, con affetto "io" ;-)

    RispondiElimina
  2. Bellissima ricetta complimenti

    baci

    RispondiElimina
  3. Il viola (col verdone) è un colore che amo tantissimo, questa passata è molto chic, un "contrasto" niente male! ^_*

    RispondiElimina
  4. A dispetto della superstizione adoro il viola anche se mi dovrò accontentare di vederlo qui da te, perchè di patate così qui nemmeno l'ombra! baciotto

    RispondiElimina
  5. Ciao buongiorno quando sono entrata nel tuo blog stamane mi son detta.... ma che meraviglia il colore di questa zuppa, delizioso
    bravissima baci !

    RispondiElimina
  6. Questa minestra ripassata è imbastanza bella però volevo solo ricordare che i finocchi non è che vadino tanto d'acordo con patate! e infatti non è uscita bella velluta!

    RispondiElimina
  7. Buongiorno tesoro!
    (Uhm..stavo cercando di decifrare il commento qui sopra...), cmq: colore divino, mi ci sono fiondata appena ho visto la foto, sposalizio patata viola+finocchio davvero interessante, mi ispira un sacco!
    Per quanto riguarda Mr B, io non ho nessuna intenzione di aprire le porte del mio blog alla politica, ma a volte mi fa tenerezza tanto è cretino!
    :)
    :)
    Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  8. grazie la il tuo contributo mattiniero!
    la zuppa ha un colore bellissimo, la terrò da conto.
    sempre che trovi da qualche parte delle patate viola... e dire che qui a Firenze sarebbe un colore che va per la maggiore!

    RispondiElimina
  9. Adesso mi dici dove hai trovato le patate viola ^_^

    eeeeeeh... bello, sì... diciamo che sei stata più seria, ecco... sì... ma non riesco nemmeno a vergognarmi ahahahah!!

    grazie! ;-)

    RispondiElimina
  10. Nooo...che forte che sei mia cara! E la zuppa viola...una meravigia! Adesso però devi dirci dove le hai trovate queste patate! ;-)

    RispondiElimina
  11. Mannaggia mannaggia, questa me la sono persa!
    Volevo partecipare anchiooooooooooooo
    Perchè veramente non se ne può più!
    Abbiamo visto e sentito di tutto ultimamente, cose che nemmeno le migliori soap opera riuscirebbero ad inserire nelle loro sceneggiature....
    Sarebbe ora di basta!!!!!!!!!!
    Brava Parentesina.....questa zuppetta di finocchi viola è buonissima e come tutte le cose diverse, la adoro...
    Perchè la diversità, qualunque diversità,è una grande ricchezza......E poi chi ha stabilito cos'è normale?
    Basta discriminazioni......di qualunque genere esse siano.....e che cavolo!

    Ho visto oggi il banner dei corsi qui da te. Ti ringrazio davvero tanto per averlo esposto....
    Ti abbraccio e ti mando un bacione
    A presto

    RispondiElimina
  12. Che scema che sono!!!!!!! non sono finocchi viola...rettifico...finocchi e patate viola...scusa, mi sono fatta prendere dall'entusiasmo del messaggio e ho scritto una cavolata. Ma sennò non sarei più io :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. noooo...dai, non conoscevo questa iniziativa e ho proprio 3 bei finocchi in casa !! certo che io a MrB mica gliela farei mangiare, gliela tirerei direttamente su quella faccia ......mmmm....mi vengono i nervi solo a nominarlo !!
    meglio parlare della zuppa in quanto stupendamente viola che è il mio colore preferito e immagino buonissima perchè adoroi finocchi...in tutti i sensi!

    RispondiElimina
  14. ma che bel colore!!! il viola è uno dei miei preferiti (dopo il verde)! ma le patate viola io non le ho mai viste e poi amo i finocchi.. bel piatto cara e buona giornta

    RispondiElimina
  15. Anche tu hai trovato le patate viola ed io nada..le cerco senza esito! ....bella zuppetta tesoro! :)

    RispondiElimina
  16. il colore è stupendo.. e il sapore.. deve essere gustosissimo.. un bacio

    RispondiElimina
  17. A essere viola è viola e la passata è particolare e bella proprio per questo!

    RispondiElimina
  18. veramente bellissima, e abbinamento decisamente perfetto! un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Una zuppa fantastica nell'apetto ma ritengo anche nel colore. Condivido l'iniziativa anche se purtroppo le battute sono il male minore visto come ha ridotto il nostro paese!

    RispondiElimina
  20. Bravissima! Sei riuscita, addirittura ad unire due iniziative!!!!

    RispondiElimina
  21. bellissima zuppa viola! ho partecipato anch'io all'iniziativa :)
    è il momento di dire basta e non far passare sempre tutto!

    RispondiElimina
  22. ahahah!!C'hai proprio ragione!!!Mi piace la zuppetta!Davvero elegante!!!Quoto anch'io per il colore (ma dove le hai trovate queste patate meravigliose!? :'S !!!!)ma soprattutto quoto lo spirito del post :D Smack!

    RispondiElimina
  23. carissima, ma dove l'hai scovate qs patate viola? ho riletto la ricetta un paio di volte, perchè credevo di essermi sbagliata...è fenomenale!! un'ottima zuppa!
    Per Mr. B sono d'accordo con te e sono dispiaciuta di aver visto tardi qs iniziativa e di non aver potuto aderire!

    RispondiElimina
  24. Sai, cara, io non sono tanto d'accordo sul fatto che quello che ha detto il nostro amato Presidente non sia tra le cose più gravi che accadono in Italia: sono sinceramente convinta che i valori, i principi gli aspetti etici e culturali siano il substrato su cui attecchiscono e prendono forma i problemi concreti e la percezione di essi. Finché si sottovaluterà l'appiattimento delle coscienze e la banalizzazione culturale e morale che questo governo sta portando, anche i mille problemi (economici, produttivi, lavorativi etc) che la politica berlusconiana sta provocando verranno letti come un male minore, sopportabile almeno finché in TV vengono regolarmente trasmessi I Cesaroni e il GF. A mio parere l'abbrutimento intellettivo è proprio la cosa più grave che questo governo sta portando avanti ed è su quello che, poi, riesce a far passare qualsiasi cosa sul piano delle politiche sociali.
    Oddio, scusa il sermone, non riesco a prescindere dalla mia formazione politologica!!! Baci e grazie per aver scelto un colore spirituale come il viola per sostenere questa causa importante!

    RispondiElimina
  25. Ahah, fantastica. Trovo questo duetto davvero interessante: cerco la patata viola e quasi quasi provo...
    Buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  26. Particolare questa passata, sicuramente molto colorata! Non ho mai visto le patate viola,la ricerca inizia...:-)

    RispondiElimina
  27. mamma mia che colore tesoro davvero aprticolare e questa iniziativa mi piace tantissimo mi sa che il caso di inventarmi qualcosa e signor B????indescrivibile.....ma pensa prima di parlare???no nn c'è la fa vuole fare il buffone a tutti i costi e ci riesce una bellezza:D!!baci imma

    RispondiElimina
  28. @ Tutti: grazie del vostro passaggio, al di là dell'adesione o meno all'iniziativa finocchiosa :)

    Per chi ha chiesto dove reperire la patate viola: io le ho trovate ad una fiera... non saprei di preciso dire presso chi trovarle, ma è un prodotto un po' di nicchia e credo si reperibile nei negozi a tema "primizia" o bancarelle delle fiere...

    Ehi, ma nessuno ha capito l'attinenza del colore col Popolo Viola?? :>
    Inoltre il post è denso di simbologie... ma essendo alcune di dubbio gusto le ho tenute per me :D ... a voi l'interpretazione!

    @ Onde: hai ragione su tutta la linea, ma nello specifico caso mi sento talmente distante da questo modo di pensare e da chi lo rappresenta che non riesco nemmeno a indignarmi troppo...
    Mi tocca solo perchè è un Presidente a esprimerle, sennò le ignorerei ocn totale e piena indifferenza.
    Sono davvero altre le (sue) trovate che mi preoccupano seriamente. Come ho scritto reputo questa uscita una buffonata di un uomo senile e (spero finalmente) sulla via del suo declino politico.
    L'occasione di dimostrare il dissenso non me la sono persa perchè la nostra coscienza sociale è atrofizzata (la mia compresa) e ho colto la palla al balzo per esprimere un sentimento, condiviso alla fine da tanti, in un modo divertente e talmente naturale da lasciare sconcertati...
    Per il resto: formazione politologica?? Ma allora ONDE FOR PRESIDENT!! :D

    RispondiElimina
  29. Ho capito perfettamente il senso delle tue parole e so che la pensi come me. Quello che intendo dire è che finché certe forme ottuse di discriminazione, ancora tanto radicate nella coscienza popolare, saranno avallate dalle dichiarazioni goliardiche dei nostri rappresentanti, il nostro paese non crescerà mai culturalmente e, quindi, nemmeno socialmente ed economicamente. Scusa se me la prendo così a cuore, ma una delle persone in cui in questo momento così delicato della mia vita mi è più vicino è proprio un omosessuale, cosa che ho saputo per caso, perché me l'ha rivelata con estrema naturalezza parlando di altre cose... e come mi sono detta, prima di saperlo, che di persone come lui ce ne vorrebbero di più, continuo a ripetermelo adesso che so... e mi batto con tutte le mie forze perché persone valide, oneste e in grado di dare agli altri un gran bene vengano discriminate sulla base di un orientamento sessuale che non sta scritto da nessuna parte sia meno lecito del mio...

    RispondiElimina
  30. NB: caspita, ci ho messo un bel po' di rieptizioni ed errori di sintassi... devo andare a ripetizioni d'italiano da uno dei nostri politici!

    RispondiElimina
  31. Macchè! Il tuo uso delle parole è preciso e fluente. E' il mio commento che è incasinato e scritto di corsa. Infatti se hai capito tutto sei un genio!
    Grazie per la risposta. E, sì, la pensiamo nello stesso modo (e per fortuna siamo in tanti!).
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  32. Ciao! ma che bellissimo colore! una crema dal sapore delicato e certamente orginalissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  33. L'effetto cromatico è spettacolare ma immagino che il sapore lo sia anche lui ;-) Bell'idea

    RispondiElimina
  34. l'associazione del colore di questo piatto con il popolo viola è la prima cosa a cui ho pensato appena ho visto il post. Avevo sentito parlare di queste patate ma non mi aspettavo che avessero un colore così deciso. Il frullatore ad immersione pensi che sia troppo dastico per ridurre il tutto in purea? (mi manca il passaverdure, l'ho sempre considerato un retaggio tecnologico del passato ma mi sto ricredendo da quando, giocando a fare il food blogger, sto imparando a cucinare).

    Per il resto che dire, l'ironia è essenziale come arma di difesa verso la stupidità e la goliardia gratuita degli altri, io mi sono salvato perché sono sempre riuscito a vedere la nota ironica anche nelle situazioni peggiori. Grazie del commento che hai lasciato da me.

    RispondiElimina
  35. @ Asa: in vero il passalegumi in questo caso è fondamentale perchè aiuta a separare la polpa del finocchio dalla parte filamentosa...
    Per il resto: direi che l'iniziativa ha messo anche un accento bello ironico sulla cosa: un'ironia elegante però :>

    RispondiElimina
  36. mi piace tanto il viola! direi che ci calza a pennello!!
    solo una cosa, non credo che sia una cosa detta senza pensare, anzi ci ha ragionato, e bene su! sai quanti, forti del loro potere economico e politico ho sentito dire "beh ha ragione meglio così che malato!"
    Baci
    Vero

    RispondiElimina
  37. Ci piace, ci piace, ci piace! Altro che il viola porta male :)

    RispondiElimina
  38. ciao cara=)
    ti invitiamo a partecipare al nostro primo contest..
    dai un'occhiata a
    http://modemuffins.blogspot.com/2010/11/evereybody-loves-muffins.html
    baci!
    MMM

    RispondiElimina
  39. Ciao,bellissima ricetta.Dalle mie parti le patate viola sono piuttosto popolari tra la comunita' sud americana.Pero' costano veramente tanto!
    Brava,ti mando un bacione!

    RispondiElimina
  40. Io li amo entrambi (finocchio e patata) ma credo che Mister B. apprezzi soltanto la seconda :-D Crema bellissima, Tiz! Molto di classe. Complimenti per l'idea e per aver aderito a questa importante iniziativa (io non ne ho avuto il tempo, ma di sicuro vi ho aderito col cuore)! Baci :-)

    RispondiElimina
  41. @ Vero: non hai torto... stavolta il tono beffardo era ai minimi storici...

    @ Reb: felice che ti piaccia... :>

    @ Edith: sai che non mi ricordo quanto le ho pagata?? Sicuramente però non sono economicissime!

    @ Lucia: rido. Come sempre sai leggere fra le righe! :D

    RispondiElimina
  42. non abbiamo fatto in tempo ad aderire, ma questa ricetta è perfetta!! ci piace tantissimo :)) W il viola contro le battute stupide e tutte le stupidità che ci stanno mandando in rovina...
    complimenti

    RispondiElimina
  43. ...ma come hai fatto ad averle viola??
    io ho provato a cucinarle, ma cuocendo mi diventano bianche...
    c'è un segreto o hai un pusher di patate molto integralista?
    ciao cara!
    bruno

    RispondiElimina
  44. Che meraviglia! sono dell'idea che il pasto debba deliziare non solo lo stomaco ma anche la vista...magari potremmo inventare la dieta della cromoterapia! ;) Bacio

    RispondiElimina
  45. Me encantan las recetas de patata azul...en mi blog tengo varias yo tambien las utilizo . Me encantan tus recetas y me apunto como seguidora , desde VIGO ESPAÑA SALUDOS MARIMI

    RispondiElimina
  46. Davvero bella ma.....a Torino dove trovi le patate viola????? io sono di Asti e qui nemmeno l'ombra :-(((

    RispondiElimina
  47. @ Fra: in quell'occiasione le ho prese alla fiera di Oulx, ma secondo me anche qui qualcuno le ha... e appena becco chi è...!! :D

    RispondiElimina
  48. ...

    https://sites.google.com/site/lepatateviolagio/

    RispondiElimina